Il miglior Brainstorming? Una tempesta di domande.

Postato da Paolo Camerin |06 mar 18 | 0 commenti

Il miglior Brainstorming? Una tempesta di domande.

 

Hal Gregersen racconta in un articolo su HBR come è nato il brainstorming delle domande.

Circa 20 anni fa, stava conducendo una sessione di brainstorming in una delle sue classi di un MBA; stavano discutendo di un problema che molte aziende cercavano di risolvere: come costruire una cultura di uguaglianza in un ambiente dominato dagli uomini. Sebbene fosse un problema di cui gli studenti si interessavano, si sentivano chiaramente non ispirati dalle idee che stavano generando. Dopo molte discussioni, il livello di energia nella stanza si stava avvicinando a zero. Guardando l’orologio, Gregersen decise di dare al gruppo almeno un punto di partenza per la prossima sessione.

“Dimentichiamo per oggi di trovare risposte e proviamo, nel tempo che ci rimane, a trovare delle nuove domande che potremmo porre in merito al problema. Con mia sorpresa la stanza si riempi improvvisamente di nuova energia e, all’improvviso c’era molto di più da discutere, perché avevamo aperto percorsi inaspettati a possibili soluzioni.”

“Il brainstorming per domande era qualcosa che non avevo mai provato. Mi è venuto in mente il quel momento, ma questa tecnica ha funzionato così bene con i miei studenti che ho iniziato a sperimentarlo con gli incarichi di consulenza, e alla fine si è evoluta in una metodologia che continuo a perfezionare. Ormai l’ho usato con centinaia di clienti, inclusi i team globali di Chanel, Danone, Disney, EY, Fidelity, Genentech, Salesforce e dozzine di altre società; organizzazione no profit; e i singoli leader che ho allenato.”

La metodologia che ha sviluppato è essenzialmente un processo per risolvere i problemi in nuovi modi. Aiuta le persone ad adottare un’abitudine di pensare più creativa e, quando sono alla ricerca di soluzioni, dà loro un senso di controllo. Qui, è spiegato come e perché questo approccio funziona. Puoi usarlo ogni volta che (in gruppo o individualmente) ti senti bloccato o stai cercando di immaginare nuove possibilità. E se lo fai diventare una pratica regolare nella tua organizzazione, può promuovere una cultura più forte di risoluzione collettiva dei problemi e ricerca della verità.

Nel corso degli anni ha sperimentato diverse varianti di questo metodo per arrivare ad una procedura “standard” suddivisa in tre step.

1 Prepara il contesto.

start

Per iniziare, seleziona una sfida a cui tieni profondamente. Forse hai subito una battuta d’arresto o hai il vago senso di un’opportunità intrigante.

Invita alcune persone ad aiutarti a considerare quella sfida da nuovi punti di vista. Sebbene tu possa fare questo esercizio da solo, portare altri nel processo ti darà accesso a una più ampia base di conoscenze e ti aiuterà a mantenere una mentalità costruttiva.

È bene includere tra i partecipanti invitati al vostro brainstorming per domande anche alcune persone che non hanno diretta esperienza con il settore o il problema trattato, e che hanno un modo di pensare diverso dal vostro: da loro potranno arrivare le domande più sorprendenti, che riusciranno a farvi mettere in discussione anche quello che, immersi nel progetto, tendete a dare per scontato.

I brainstorming tradizionali, in cui si propongono risposte al problema, sono fortemente influenzati dalle dinamiche di gruppo: i partecipanti più introversi tendono a evitare di esporre pubblicamente le proprie idee, temendo il giudizio degli altri, così quelle che emergono sono solo le soluzioni di pochi.

Il brainstorming per domande, invece, rende lo scambio più democratico: le domande sono meno esposte a giudizi, così tutti propongono interrogativi in evoluzione e nessuno stabilisce affermazioni definitive.

Una volta individuato il gruppo di persone e prima di avviare la tempesta di domande, c’è un passaggio fondamentale: comunicare ai partecipanti l’oggetto del brainstorming.

Prima di iniziare  indica chiaramente due regole fondamentali: in primo luogo, le persone possono fornire solo domande. E in secondo luogo, non sono consentiti preamboli o giustificazioni che inquadrano una domanda, perché guideranno gli ascoltatori a vedere il problema in un certo modo, proprio quello che stai cercando di evitare.

È molto utile fare un personale check-up delle emozioni che provi prima di iniziare la sessione. Come “proprietario” della sfida, prenditi un momento per riflettere su questo: i tuoi sentimenti sono positivi, neutrali o negativi? Annota alcune parole che catturano il tuo stato d’animo di base. Non è necessario spendere più di 10 secondi per questo. Farai la stessa cosa di nuovo dopo che la sessione è finita. Questi controlli sono importanti perché le emozioni influenzano l’energia creativa. L’obiettivo dell’esercizio non è solo quello di suscitare nuove preziose domande, ma anche di fornire una spinta emotiva che ti renderà più propenso a seguirle.

La tua energia creativa fluirà e rifletterà nei prossimi giorni, settimane e mesi – e prepararti per questo è fondamentale. Le idee trasformazionali iniziano come esaltanti ma diventano irritanti quando si rivelano gli imprevisti. Poi si sistemano con un duro lavoro che, con un po’ di fortuna, produce momenti di speranza che vedranno il cambiamento. Se ti aspetti una turbolenza dall’inizio, sarai più capace di cavalcarla più tardi

2 Via alle domande

domande

Ora imposta un timer e trascorri i successivi quattro minuti generando il maggior numero possibile di domande sulla sfida.. Più sorprendenti e provocatorie sono le domande, meglio è. Ricorda di includere nelle domande anche le tue.

In questo esercizio l’enfasi deve essere sulla quantità. Chiedendo al gruppo di generare quante più domande possibili nel tempo assegnato (almeno 15 domande)  le manterrai brevi, semplici e fresche. Scrivi ogni domanda accuratamente su carta, su un laptop o su un tablet in modo da poter catturare tutto con precisione, altrimenti potresti commettere una censura inconscia che respinge le linee di indagine che non comprendi immediatamente o vuoi sentire.

Non c’è nessuno studio in merito a 15 domande in quattro minuti ma la pressione del tempo aiuta i partecipanti a rispettare la regola “solo domande.

Una volta trascorsi i quattro minuti, esegui un secondo rapido controllo emotivo. Come ti senti sulla sfida ora? (E come si sentono gli altri nel gruppo?) Sei più positivo di quanto eri quattro minuti fa? In caso contrario è possibile rieseguire l’esercizio. O riposati e riprovare domani. Oppure provalo con persone diverse. La ricerca ha stabilito che il problem solving creativo fiorisce quando le persone lavorano in stati emotivi positivi. Parte del potere della domanda sia dovuta alla sua capacità di alterare la visione di una persona della sfida, rimuovendo, per la maggior parte, quella sensazione di essere bloccato.

3 Scegli una domanda.

domande-e-risposte-800x400

Seleziona le domande che ti stimolano maggiormente, che ti fanno vedere la questione da un’altra angolazione o che ti pungolano. Nell’80% dei casi tra le domande saltate fuori ce n’è una che segna una svolta.

Adesso espandi quella domanda in una serie di domande collegate. Vai sempre più in profondità seguendo il metodo dei “5 perché”, una sequenza sviluppata da Sakichi Toyoda: “perché hai scelto quella domanda?”, “perché quella domanda è cruciale” e così via. Questo ragionamento ti farà risalire all’origine del problema e farà emergere i motivi alla base degli ostacoli che bloccano il progredire del progetto.

Infine, impegnarsi a perseguire almeno un nuovo percorso che hai intravisto. Lascia da parte considerazioni su ciò che potrebbe essere più comodo da concludere o più facile da implementare, e invece adotta l’attenzione di un innovatore sul “lavoro da fare” e su ciò che sarà necessario per risolvere il problema. Elaborare un piano d’azione a breve termine: quali azioni concrete prenderà personalmente nelle prossime tre settimane per trovare potenziali soluzioni suggerite dalle nuove domande.

Potete trovare l’articolo integrale https://hbr.org/2018/03/better-brainstorming. La mia non è una traduzione parola per parola ma ho cercato di riassumere i punti focali.